Gayo Natale

  • Published in
  • Read: 771 times

 Poteva mancare un post discordante sul Natale? Ma certo che no!

Che poi, a dirla tutta, a voler essere proprio controcorrente, dovrei promuovere lo spirito natalizio, visto che tutti si danno un tono denigrandolo. Dovrei vestirmi direttamente da Babbo Natale - ma con il costume di Angel in Rent - e andare in giro a lanciare neve finta come una qualsiasi drag-queen che fa la parodia di Frozen.
Invece, mi conformo, e parlo dei gay che fanno regali gay per un Natale rigorosamente gay.
Ma cosa fanno gli omosessuali cresciuti in una favolosa cattività in concomitanza delle festività comandate? Si adattano e addobbano la tana. Ma la abbelliscono sul serio! Diventano come quelle nonne gelose della casa che mettono centrini anche sotto il bicchiere della dentiera.
Entrando a casa loro trovi il camino acceso con le calze natalizie appese alla mensola e sopra il fotoritratto gigante di famiglia alla Desperate Houswives, incorniciato d'oro, con lui seduto e lui in piedi, dietro, con la mano sulla sua spalla. E il gatto o il cane rigorosamente trovatelli in posa scherzosa ma di classe.
A terra ci sono puff bassi Poltrona Frau, per sedersi di fronte al focolare e raccontarsi storie, come in Piccole Donne. Con la differenza che le storie di Jo sono tratte dai fratelli Grindr, la sorella malaticcia Beth, in questa versione, si cura con le bacche di Goji; Amy, quella che si metteva la molletta per correggere il naso, è andata direttamente dal chirurgo di Belen e Maggie, la maggiore, è una matrona ultracinquantenne con i jeans stretti e il poncho di Hermes elegantemente appoggiato sulle spalle.
Loro indossano maglioni in tricot natalizi coordinati con le renne e il grembiule ricamato, in bagno trovi la candela al pan di zenzero, sul corrimano sono cresciuti rampicanti d’abete e nelle camere ha nevicato porporina.
L'albero è talmente lussuoso che quello del Rockfeller Center a confronto è l'abete finto sul bancone accanto alla cassa dall'estetista.
Sotto cotanta pomposità ci sono i regali.
Regali per tutti, perché i gay sono una specie socievole che fa torte per i vicini e la differenziata. Sostengono l'ambiente, soprattutto quello gay, e la natura, soprattutto le pinete di fusti massicci con chiome selvagge, cespugli rasati e lunghe radici nodose.
Cosa regalano i gay? Innanzitutto il regalo di un gay è sempre molto gay, perché è convinto che a tutti piacciano regali ragionati, raffinati e di tendenza.

Non sentirai mai un gay dire "ti ho preso un pensierino", perché il "pensierino" il gay lo fa al massimo sul bono in coda all'Apple Store. Sembra sempre che il regalo fatto da un gay sia stato pensato per mettervi in difficoltà. Ed è così. Nelle confezioni elaborate troverete candele chicchissime realizzate da monache svizzere senza pollici opponibili a base di cera d'ape suicida all'assenza di stella alpina e curcuma, pacchetti viaggio in un resort dentro un igloo, riscaldati da un vero orso bianco (e non un omaccione brizzolato e peloso) e con la voce di Licia Coló che ti canta la ninna nanna; ingresso per due esclusivo alla collezione privata dei Caravaggio della Contessa Vacca Scafati Tortini Friarielli con brindisi e buffet di stuzzichini sugli scogli dove si è gettata per la disperazione di aver scoperto che i suoi quadri sono tutte repliche. E ancora una collezione di DVD di Sex and The City - Deluxe Edition con l'unghia rotta di Samantha e il cerotto coi punti neri di Charlotte, uno spremiagrumi di design a forma di Vergine di Norimberga che si può usare soltanto dopo che hai fatto l'antitetanica e un workshop apposito del quale hai, compreso nel regalo, gli ingressi omaggio.

Oppure ti becchi una cosa da farti da solo, un lavoro, un kit artistico che richiede l'apertura di un laboratorio artigiano per creare le tue statuette personalizzate alla lavanda per profumare i cassetti, così quando cerchi le mutande hai l'impressione di mettere la testa nel fustino del Dash.

Se il regalo è tecnologico, per ricambiare devi firmare una cambiale, perché sarà sicuramente l'ultimo I-Pad Pro Plus, 3000 di cilindrata, che fa anche le lastre ed è in grado di localizzare anche l'omosessualità repressa dentro Giovanardi.

Insomma, non si può competere con un Natale Gayo perché bisogna avere la capacità di vedere oltre le cose, essere favolosamente visionari in un universo di stereotipi sempre nuovi e che richiedono la versatilità di Maryl Streep e la tenuta sotto stress di Barbara D'Urso.

 Fabio Cicolani

 

Damaged

  • Published in
  • Read: 628 times

Questa settimana avrei voluto parlare di una 51 enne romana ex ballerina, ex conduttrice, ex amata dagli italiani, ex tutto insomma che da poco è tornata in tv sotto le vesti di "nemicamatissima"; fosse rimasta a casa ad interpretare il suo ruolo più consono di "Porella" sarebbe stato meglio x tutti!
Ho scelto, quindi, di dedicarmi agli errori fai da te giusto per avere un nesso con la vicenda in questione...solo al pensiero di nominarla mi si rizzano i peli che normalmente estirpo.

Che meraviglia prendersi cura in prima persona della propria bellezza! Mix di frutta, pozioni di oli e creme di alimenti naturali, a volte, possono regalare dei danni

Qualsiasi cosa si sia letto o vi abbiano detto, vi consiglio di non usare questi ingrediennti:

 

BICARBONATO DI SODIO


Sul web si trovano tante ricette di scrub per il viso da realizzare in casa con il bicarbonato come principale ingrediente, peccato però che abbia un PH9 che rischia di eliminare tutta l'acidità buona della pelle. Sia se usato come crema che come esfoliante, rischia a lungo andare di rovinarvi in modo pericoloso. 



LIMONE


Con tutte le sue azioni rigeneranti, in realtà il limone è dannoso per la pelle. Può oggettivamente renderla più luminosa, ma è talmente acido da essere pericoloso. Oltre a seccare la pelle, infatti, può causare vesciche e bruciature più o meno gravi. Evitatene l'uso.

 

LACCA


Da anni sento che qualcuno consiglia la lacca come spray per fissare il trucco. Ricordatevi che la lacca serve per i capelli, non per la pelle! Comprate uno spray ad hoc in un negozio specializzato, se proprio dovete fissare il vostro make up.

 

UOVA

Per quanto sia un alimento naturale, se non conservate bene e usate in modo sbagliato, rischiate la salmonella. Non solo, le uova, mischiate ad altri ingredienti, posso causare delle reazioni sconosciute. Affidatevi a degli specialisti se le volete usare sul vostro viso. 

ZUCCHERO E SALE

Lo zucchero e il sale sono due ingredienti esfolianti meravigliosi, ma solo per il vostro corpo.Se mescolate dell'olio di cocco con zucchero di canna, otterrete uno scrub senza paragoni ma non provate nemmeno a pensare di metterlo sul viso. I granuli sono troppo duri e possono causare delle abrasioni.

 MAIONESE


È  perfetta come maschera per capelli, ma non altrettanto per il vostro viso, che resterà grasso e appiccicoso, ostruendo i pori della pella per molti giorni anche se il vostro viso vi sembrerà pulito. 

 CANNELLA

Molti sostengono che la cannella è l'ingrediente perfetto per sbarazzarsi di acne, macchie scure, e iper-pigmentazione. In realtà può provocare bruciori,  vesciche,arrossamento e secchezza. Secondo alcuni dermatologi, la cannella può portare anche danni permanenti. 

OLIO MINERALE



 L'olio per bambini è 100% mineral oil, questo ingrediente riveste la pelle come una pellicola di plastica, disgregando la barriera naturale della pelle ed impedendo la sua capacità di respirare ed assorbire l'umidità e i nutrienti. Come maggior organo per l' espulsione, è vitale che la pelle sia libera di liberare le tossine. Ma l'olio minerale impedisce questo processo, permettendo alle tossine di accumularsi, così da provocare acne e altre malattie. Rallentando le funzioni della pelle e il normale sviluppo delle cellule, si ottiene un suo prematuro invecchiamento.

ALCOOL

 
 Come solvente e denaturante  si trova ovunque. E' una sostanza derivata del petrolio ed è usata anche come antigelo e come solvente. L'ingestione può causare emicrania, capogiri, nausea, vomito, narcosi e coma.

SODA CAUSTICA


è tra le materie più pericolose perché può provocare gravi ustioni cutanee e lesioni oculari.

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register