Priscilla va in Grecia #2

  • Published in
  • Read: 20 times

Due chiacchiere di Bon Ton

Ragazze mie, che pacchia questa Grecia!

Sbarcate a Samos alle h 23 dopo 15 (dico 15!) ore di viaggio da Atene e lunghe soste nei porti delle isole dell’Egeo – bellissimo, capiamoci, ma una fatica quel sottofondo di chiacchiericcio a mitraglia di greci di tutte le età, cui s’intrecciano  pianti di lattanti straniti,  cinguettii di canarini in gabbietta e  miagolii di gatti avvolti in sporte di paglia – morte di sonno e di stanchezza, alla ricerca di un letto qualunque, ci fiondiamo di corsa  in un taxi sgangherato.

Al taxista, che parlucchia un inglese stenterello, tale e quale il nostro, chiediamo di condurci a Ireon, il villaggio della nonna di Caterina. L’isola è grande e abbiamo attraversato prima una montagna, poi un delizioso porticciolo tutto lucine tremolanti nell’acqua e yacht, poi una deliziosa stradina lungo la costa, immersa nei profumi della salsedine, della liquirizia, del timo e dell’origano, dei gelsomini, della notte mediterranea, insomma.

Finalmente il taxi si ferma in un villaggio di pescatori raso costa, a ripa di mare, che non può attraversare causa strettezza della via sterrata che divide le due file di casette monopiano che lo compongono. Chiediamo al taxista timorose - attraversamento notturno di un’isola - quanto vuole e lui fa “tre euro”, sempre in quell’inglese stenterello, per timore di non aver capito bene, gli rifacciamo la domanda ma lui, beato, ci conferma “tre euro”.

Ci affrettiamo a pagare per timore che cambi idea o capisca di essersi sbagliato, e ci gettiamo in strada con i nostri zaini. Lui fa manovra e se ne va e noi restiamo sole, nella notte deserta, fra il concerto dei grilli e il rumore leggero delle onde, sotto la luce della luna e il solito cielo mozzafiato per quanto è carico di stelle!

E ora dove la troviamo la nonna?

Priscilla va in Grecia

  • Published in
  • Read: 92 times

Due chiacchiere di Bon ton

Carissime, questa volta la proposta è seria, si va in Grecia!

La mia amica Caterina, la cui nonna è greca, precisamente dell’isola di Samos, mi ha invitato ad andarla a trovare insieme con lei. Sono pronta in un fiat, ho gettato in un sacco costumi da bagno e pareo, non serve altro , pare. Per il viaggio indosso una canottiera bianca e un paio di shorts di jeans, più le infradito capresi. E’ tutto. Raggiungiamo insieme in treno Ancona, dal cui porto un mastodontico traghetto greco bianco e rosso ci accoglie nel suo ventre brulicante e misterioso. Ci sistemiamo sul ponte e mangiamo i panini che abbiamo preparato. E’ il tramonto, seta rosa su sfondo azzurro il mare, nel cielo lunghi stracci di nubi di soffice garza rosa. Un trionfo di colori preziosi e sfumati. Già godo, come sono felice! Recintiamo coi parei le nostre postazioni e ci facciamo un giretto all’interno. C’è un micro casinò, con tanto di croupié, e io vengo risucchiata dal fascino irresistibile delle macchinette. Mi accomodo davanti a una, non dopo aver cambiato pochi euro per il golosissimo secchiello trabordante di gettoni. Caterina mi segue esitante con sguardo critico, lei non ama il gioco ma mi lascia fare, e infatti, dopo qualche giro un po’ si’ e un po’no, eccoti là che ti becco i tre cocomeri allineati e contenti, cui segue lo scroscio inarrestabile delle monetine. La macchina vomita, vomita vittoria e io ballo da sola pazza di gioia. Da sola perché Caterina non mi offre né aiuto nella raccolta delle vincite né alcuna espressione di partecipazione alla mia contentezza.

Carico ben tre secchielli di vincite e vado a riscuotere.”Sono ottocento euro”, mi fa la contabile senza una piega. Sto per partire per un altro sirtaki di gioia, ma la mano gelida di Caterina si posa ferma sul mio braccio:”La Grecia è un paese povero!”, mi soffia sottovoce ma con grande severità. La guardo e capisco cosa mi sta chiedendo. Lo trovo ingiusto e fuori luogo, non rinuncerò alla vincita, chissà quanto hanno guadagnato prima con le perdite degli altri. L’impiegata continua senza una piega a trasformare la mia vincita in euro. Un bel mucchio. Mi sembra un sogno, non ho mai vinto al gioco.

Invito subito Caterina al bar per brindare, ma lei declina gentilmente e si dice preoccupata per le nostre postazioni, abbandonate da molto tempo. Torniamo sul ponte. E’ scesa la notte: il cielo è uno spettacolo incredibile, tutto stelle, e il fruscio delle onde contro la chiglia della nave rende l’atmosfera magica, anzi mitica. Ci sdraiamo a terra sui pareo, poggiamo la testa sullo zaino, e restiamo lì a farci portare dal cielo, dal mare, dalle stelle,dal silenzio, nel buio sacro della dea della notte. Nessuno parla, stiamo tutti intenti a resistere al sonno per goderci lo spettacolo il più a lungo possibile: e quando ti ricapita? Alla prossima, amiche care…….

 

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register