Gente di Facili Costumi

di Nino Marino e Nino Manfredi

con Antonello Avallone e Flaminia Parnasi

Stagione 2015 - 2016

Dal 12 al 28 febbraio 2016 

“GENTE DI FACILI COSTUMI” è una commedia che sviluppa in maniera paradossale, un fondamentale problema etico. In una società come la nostra, dove tutto si avvilisce e si corrompe, che valore hanno ancora l’onestà, la dignità, il rispetto dei più profondi valori umani? Gli ideali politici non difendono più gli interessi del paese, ma, quando va bene, quelli più strettamente privati. La creatività e la fantasia sono messi al servizio dell’imbonimento pubblicitario, sicché i migliori poeti del nostro tempo sono quelli che inventano gli slogan più petulanti. Senza continuare a fare altri esempi, è evidente che viviamo in una società in cui i valori più elevati vengono svenduti e liquidati, perché il bello, il vero e il buono sono asserviti all’inutile. Paradossalmente quello che è rimasto più coerente a sé stesso, è il mestiere più antico del mondo. Le prostitute hanno continuato  a fare ciò che hanno sempre fatto con chiarezza, senza sottintesi o simulazioni; oseremmo dire, restando sempre nel paradosso, onestamente. Un intellettuale e una prostituta, protagonisti della commedia, assumono il ruolo emblematico di rappresentanti di questa mutevole società: l’intellettuale, che presume di appartenere ad una casata detentrice del potere culturale, che viene conservato anche e soprattutto attraverso un linguaggio stregonesco; e la prostituta, la peccatrice, l’emarginata, che si esprime con l’antico, anche se molto personale, linguaggio…della verità. Con questi due personaggi vogliamo raccontare con l’ironia del “castigat ridendo mores”, quanto siamodiventati un po’ tutti, gente di facili costumi…esclusi i presenti, naturalmente.

 

scene e costumi Red Bodò

regia Antonello Avallone

dal giovedì al sabato ore 21.00 - domenica ore 17.30

 

Teatro dell’Angelo

Via Simone de Saint Bon n. 19 tel. 06/37513571- 06/37514258

Direttore artistico Antonello Avallone Presidente onorario Manlio Santanelli

www.teatrodellangelo.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Login to post comments

Log In or Register