Vuoi scommettere... che non ci saranno altre edizioni?

Ne abbiamo sentito parlare per settimane, creando grande attesa per un programma che oggi viene riproposto completamente rinnovato, ma non ho voluto esprimermi dopo la prima puntata perchè a tutti bisogna dare una seconda possibilità.

Di cosa sto parlando?

Ovviamente di “Vuoi scommettere”, il programma ispirato al più antico “Scommettiamo che?” condotto da Michelle Hunziker e dalla figlia Aurora Ramazzotti, avuta col cantante Eros Ramazzotti e ormai decisa a lanciarsi nel mondo dello spettacolo.

Mi chiedo: ma perchè fare questa scelta?

Al mondo esistono tantissimi mestieri, e non per forza essere “figli d'arte” costringe a lavorare in televisione o comunque nello showbiz. Anzi, diciamoci la verità: avere dei genitori con una carriera invidiabile non sempre aiuta, in particolare se si sceglie di prendere la loro stessa strada; il più delle volte si rischia di vivere alla loro ombra, di essere sempre additati come “i figli di” e di essere ricordati per tutto tranne che ciò che si è fatto.

Questo è senza dubbio il caso di Aurora, tanto simpatica e carina quanto inadeguata e impacciata, costretta a fare “l'inviata” pur di avere un ruolo e ad affiancare i scommettitori in remoto.

In generale, comunque, bisogna ammettere che l'impostazione del programma di per sé non aiuta; lento da morire, con ospiti poco interessanti e concorrenti insipidi, per quanto capaci.

Cosa mi ha colpito della puntata di ieri?

L'evidente noia di Ilary Blasi che, nonostante fosse probabilmente l'ospite di punta, non ha nascosto sbadigli e sonno.

E lo share sembra darmi ragione: se nella prima puntata si era arrivati infatti al 23%, la seconda ha registrato poco più del 18%, perdendo così più di 500.000 spettatori; un calo fisiologico, questo lo so, senza contare che l'arrivo della bella stagione fa tornare la voglia a tutti di non stare a casa, ma io credo che questo sia solo l'inizio del tracollo.

Michelle, da te tutto questo proprio non me lo aspettavo!

Tu, che hai condotto in maniera così perfetta il festival di Sanremo (perchè nella vita bisogna essere sinceri, e se Baglioni è stato il direttore artistico lei è stata la vera conduttrice), come hai minimamente pensato di rilanciare un programma già datato (ed anacronistico) senza mettere nulla di nuovo o cambiare un po' il format?

Ah, forse eri convinta che tua figlia avrebbe fatto la differenza.
E su questo avevi ragione: grazie anche a lei questo programma non avrà sicuramente un futuro certo.

Vuoi scommettere che sarà l'ultima edizione?

Ecco, scommettiamo.


And the winner is: Paola Penelope

  • Published in
  • Published in News

L'Eurovision Song Contest 2018 visto da Paola Penelope


Guardo sempre meno la televisione, incubatrice di ignoranza e falsità, ma ci sono alcuni eventi storici che ormai rappresentano per me un appuntamento fisso a cui non posso rinunciare: se per l'Italia è il Festival di Sanremo, rassegna musicale che ha lanciato i più grandi della musica italiana, per l'Europa è l' Eurovision Song Contest, kermesse dal richiamo internazionale che quest'anno si è svolta a Lisbona.

Si sa, e chi non lo sa lo scoprirà in questo momento: l'euro vision song contest è l'evento più gaio dell'anno, con i suoi spettacoli esagerati ed i suoi protagonisti sempre vivaci e pieni di talento, ed io non posso certo rinunciare a studiare fino ai minimi particolari lustrini, outfit e coreografie (o meglio, i ballerini) che si susseguono nello show.

L'eurovision song contest ogni anno si conferma come uno degli eventi più importanti del panorama musicale mondiale, ed è grazie a questo che tanti artisti ancora sconosciuti hanno ottenuto la vera fama.

Un esempio?

La mia collega, Conchita Wurst, che ha rappresentato l'Austria vincendo proprio nel 2014 l'Eurovision Song Contest, diventando da quel momento un'icona mondiale e ricevendo apprezzamenti (e critiche, soprattutto per la mise, che io trovo fantastica) da tutto il mondo.

L'Eurovision Song Contest 2018, invece, ha avuto sede nella bellissima Lisbona, e mentre i nostri Ermal Meta e Fabio Moro si sono a malapena fatti notare, la regina incontrastata è stata lei, la 25enne israeliana Netta Barzilai, ex cameriera e maestra elementare che con la sua “Toy” ha incantato il pubblico portoghese.

Peccato per altri nomi, come lo svedese Benjamin Ingrosso, il 20enne ballerino che con la sua “Dance you off” ci ha fatto ballare e divertire.
Ma tornando alla vera regina della serata (lo so, sembra strano ma non parlo di me stessa), pensate che sia stato il suo puntare sull'ironia a farla vincere?

Sì, senza ombra di dubbio.

Perchè nonostante il suo brano sia una vera e propria bomba, probabilmente senza le sue movenze, i suoi abiti colorati e la sua estrema simpatia non avrebbe ottenuto così tanto successo.

A proposito, sapevate che è stata lanciata da Bds (che si occupa di una
campagna globale di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele) un sabotaggio del voto proprio contro di lei?
E nonostante questo lei (e per la quarta volta Israele) si è potata a casa la vittoria, senza neanche grossi sforzi.

Perchè tutti ormai conosciamo la sua “mossa del pollo”, e chi non la conosce evidentemente non fa parte di quelle 40 milioni di visualizzazioni che il suo video ha già raggiunto su Youtube.

Ah scusatemi, voi non la conoscete davvero?
Bene, allora vi lascio con il suo video ufficiale (che trovate più in basso), ma vi avverto: preparatevi a ballare e a scatenarvi, perchè con “Toy” non si può fare altrimenti.


Caitlyn Zero - Mac Mille

  • Published in
  • Published in Rubriche

Ho sempre creduto nella forza delle donne accessoriate e anche nella bellezza. La bellezza è come il genio non ha bisogno di essere spiegata! Qualcuno però, ai vertici di MAC Cosmetics, dovrà spiegarmi perché un'azienda di cosmetici ha puntato sulla notorietà di Caitlyn Jenner anziché sulla bellezza!

La collezione trucco Caitlyn Jenner per Mac Cosmetics dal packaging oro e nero opaco, devo ammettere che è straordinaria e la scelta della testimonial poteva essere altrettanto. Il mondo è pieno di transessuali traordinariamente belle, perché proprio lei?
Credo abbia giovato nella scelta, esclusivamente la sua storia:
Caitlyn Jenner, ora famosa nel mondo per aver voluto rendere pubblica la sua transizione sessuale, da uomo a donna.
Nato nel 1949 con il nome di William Bruce Jenner, era già conosciuto per essere stato un campione olimpico alle Olimpiadi di Montreal e, successivamente, per essere diventato il patrigno delle Kardashian e padre di Kylie e Kendall Jenner.

Ora però vediamo insieme la collezione:

Mac Caitlyn Jenner Collection è composta da un’ampia linea di prodotti make up dalle tonalità classiche e senza tempo per il trucco viso, occhi e labbra.
Una collezione speciale studiata per ben adattarsi a tutti coloro che abbracciano la vita, in qualsiasi forma si preferisca.

MINERALIZE SKINFINISH 


Per un perfetto incarnato baciato dal sole californiano, la linea Caitlyn Jenner X Mac Cosmetics propone la terra bronzer Mineralize Skinfinish nella tonalità Compassion: una terra luminosa dalla sfumatura bronzo caratterizzata da una polvere sottilissima e un finish satinato.

POWDER BLUSH DUO 


Uno dei prodotti top della collezione Caitlyn Mac è senza dubbio la polvere viso Powder Blush Duo. Una cialda, due tonalità per un look abbronzato naturale in un unico gesto: un mix di rosa pesca e rosa antico che dona un’effetto salute all’intero incarnato.

EYESHADOW MAC CAITLYN 


Tre ombretti mono Mac Cosmetics dalle polveri altamente pigmentate che si applicano e si sfumano facilmente, dando vita ad un make up look impeccabile e super elegante, nelle sfumature del bronzo, oro e viola scuro.

MATITA OCCHI MAC EYE KOHL

 Mac propone una matita occhi kohl a lunga tenuta dalla formulazione cremosa e super pigmentata di nome Teddy, un bellissimo bronzo intenso dal sottotono rame, perfetto per gli occhi verdi e castani.

CIGLIA FINTE CAITLYN JENNER X MAC


Lo sguardo felino è facilmente riproducibile con le ciglia finte Mac numero 30: un modello di demi-lash da applicare nella parte finale dell’occhio, per allungare lo sguardo e renderlo ancora più sexy.

ROSSETTI MAC CAITLYN JENNER 


Imperdibili sono poi i rossetti Mac Caitlyn Jenner:
sono uno dei pezzi forte di questa limited edition.
Caratterizzati da tonalità nude e rosse, super luminose e sofisticate, i lipstick Caitlyn Jenner X Mac saranno disponibili in tre varianti colore.

MATITE LABBRA MAC LIP PENCIL 


Perfette per contornare le labbra e correggere qualche asimmetria della bocca, le matite labbra Mac Caitlyn Jenner hanno una texture morbida e cremosa che non secca le labbra. Sono disponibili in due nuance naturali, già presenti in gamma permanente:
Whirl, nude marroncino;
Soar, nude rosato.

LIPGLOSS MAC CREMESHEEN GLASS 


Abbinati alle tonalità dei rossetti in gamma, ecco tre lipgloss Mac dalla texture ultra cremosa e di facile stesura con un finish lucido super brillante ed un tocco di gold super glam:
Tolerance, rosa plum;
Beautifully Bare, nude rosato;
Kindness, oro luminoso.

La splendida collezione trucco Caitlyn Jenner X Mac Cosmetics sarà acquistabile da febbraio 2017 negli store monomarca del brand cosmetico canadese e sul sito ufficiale Mac Cosmetics.

Il "brutto" delle donne...

  • Published in
  • Published in Rubriche

 

Venerdì sera su Canale 5 è tornata, dopo ben 13 anni di assenza, una delle fiction più amate dal pubblico femminile italiano: "Il Bello delle Donne...alcuni anni dopo".
La partenza però sembra non sia stata delle migliori. La fiction infatti, guardando i dati auditel, ha esordito facendo un vero e proprio flop.
Il salon de coiffeur televisivo più amato da mamme, nonne e figlie italiane, ha infatti perso la sua magia: quella capacità garbata di raccontare le sfumature della femminilità più o meno audace, sembra essere svanita totalmente.
Oggi resta solo un feticcio!
Il bello delle donne...alcuni anni dopo, è ambientato nella Capitale d’Italia dove è “er mejo negozio de parrucchieri de Roma” (cit. Jessica, Manuela Arcuri); e quando il salone dell’antagonista Sam (Nitto Flores) viene saccheggiato “la colpa è o dei negri o dei rumeni”.
Messaggi fuori luogo e di intolleranza a differenza del passato che si proponeva di aprire per la prima volta gli occhi su tematiche come famiglie allargate, donne sole, diversità, omosessualità ecc.
Tutto banale e già visto: le tre amanti che si alleano contro l’uomo che le ha ferite e la coatta di periferia che si chiama “Jessica” fu idea di Carlo Verdone negli anni 90. Escludendo la "nascita" di Lalla La Sciacalla sulla quale meglio non pronunciarsi.
Le uniche note positive sono: Massimo Bellinzoni, Claudia Cardinale, Anna Galiena e Giuliana De Sio.
Credo abbiano fatto bene alcuni attori a non partecipare a questa nuova serie: oltre all’indimenticabile Virna Lisi, scomparsa tre anni fa, Stefania Sandrelli, Eva Grimaldi, Antonella Ponziani, Nancy Brilli, Lunetta Savino e Gabriel Garko.

Non resta che chiederci perché?

L'anno d'oro di LA LA LAND

  • Published in
  • Published in Rubriche

Il primo grande evento del 2017, non poteva sfuggirmi e questa settimana ho voluto dedicarmi ai Golden Globes.
Ieri si sono chiusi con un record, quello del musical "La La Land" di Damien Chazelle che ha vinto sette premi su sette. Non era mai accaduto prima!
Dopo anni è stato battuto il precedente primato di "Qualcuno volò sul nido del cuculo" e "Fuga di mezzanotte", entrambi fermi a sei premi.
"La La Land" è un film che rimarrà negli anni, un vero classico, un incanto pensato e realizzato per far innamorare tutti quelli che hanno un cuore diverso dal mio...io ce l'ho di diamante!

"Moonlight", titolo LGBT, ha fatto suo il Golden Globe come miglior film drammatico, con Casey Affleck in trionfo grazie a "Manchester by the Sea" e Isabelle Hupert con l'interpretazione in "Elle". Sorpresona Aaron Taylor-Johnson tra i non protagonisti, con Viola Davis che vola finalmente verso gli Oscar grazie a "Barriere".
Fulcro della serata anche il discorso di Meryl Streep, Golden Globe alla carriera, a favore della diversità, delle opportunità e del potere che non dev'essere mai abuso. Ed è chiaro il riferimento al neopresidente americano Donald Trump,nonostante l'attrice non pronunci mai il suo nome.


In ambito televisivo, invece, trionfo per "The Crown", che ha battuto sia "Game of Thrones che Westworld", con "Atlanta" miglior serie comedy e "American Crime Story" di nuovo sul trono.

CINEMA
MIGLIOR FILM DRAMMATICO
"Moonlight"

MIGLIOR FILM COMMEDIA O MUSICAL
"La La Land"

MIGLIOR REGISTA
Damien Chazelle – "La La Land"

MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO
Casey Affleck – "Manchester by the Sea"

MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO
Isabelle Hupert – "Elle"

MIGLIOR ATTORE IN UNA COMMEDIA O MUSICAL
Ryan Gosling – "La La Land"

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA COMMEDIA O MUSICAL
Emma Stone – "La La Land"

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UN FILM DRAMMATICO
Viola Davis – "Barriere"/ "Fences"

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UN FILM DRAMMATICO
Aaron Taylor-Johnson – "Animali notturni"

MIGLIORE COLONNA SONORA
Justin Hurwitz – "La La Land"

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE
“City of Stars” – "La La Land"

MIGLIORE SCENEGGIATURA
Damien Chazelle – "La La Land"

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
"Zootropolis"

MIGLIOR FILM STRANIERO
"Elle"

TV

Miglior Drama
"The Crown" (Netflix)

Miglior comedy o musical
"Atlanta" (Fx)

Miglior Film-tv o miniserie
"American Crime Story" (Fx)

Miglior attore protagonista di una serie tv drama
Billy Bob Thornton, per il ruolo di Billy McBride in "Goliath" (Amazon Studios)

Miglior attrice protagonista di una serie tv drama
Claire Foy, per il ruolo della Regina Elisabetta II in "The Crown" (Netflix)

Miglior attore protagonista di una serie tv comedy o musical
Donald Glover, per il ruolo di Earn Marks in "Atlanta" (Fx)

Miglior attrice protagonista di una serie tv comedy o musical
Tracee Ellis Ross, per il ruolo di Rainbow Johnson in "Black-Ish" (Abc)

Miglior attore protagonista di un film-tv o miniserie
Tom Hiddleston, per il ruolo di Jonathan Pine in "The Night Manager" (Amc)

Miglior attrice protagonista di un film-tv o miniserie
Sarah Paulson, per il ruolo di Marcia Clark in "American Crime Story" (Fx)

Miglior attore non protagonista di una serie tv, film-tv o miniserie
"Hugh Laurie", per il ruolo di Richard Onslow Roper in "The Night Manager" (Amc)

Miglior attrice non protagonista di una serie tv, film-tv o miniserie
Olivia Coleman, per il ruolo di Angela Burr in "The Night Manager" (Amc)

The Queen of Christmas

  • Published in
  • Published in Rubriche

In questa settimana prenatalizia in cui il profumo di arancia e cannella mi accompagna insieme ai colori dell'agrifoglio, sono invasa, da sentimenti benevoli e ho deciso di mettere da parte i consigli di bellezza. È ora di raccogliere i frutti: le basi le ho fornite (per le indolenti, leggete gli articoli precedenti) e se avete studiato sarete impeccabili durante le feste! In caso contrario rivolgetevi ad un professionista, che per ragioni di overbooking vi rimbalzerá al 2017. Chi tardi arriva male alloggia e una vera donna può permettersi di fare tardi sempre, eccetto quando fa shopping o si rivolge ad un professionista di bellezza (compreso il proprio chirurgo estetico).
Quindi per ora scordatevi profumi e balocchi perché è tempo di parlare della regina del Natale: Mariah Carey.
Nata a Huntington il 27 marzo 1970, Mariah è una cantautrice, attrice e produttrice discografica statunitense. Popolare in tutto il mondo sin dagli anni novanta, con oltre 200 milioni di dischi venduti, è tra gli artisti di maggior successo nella storia della musica.
O sarebbe meglio dire era?

 

Una cosa è certa ormai "svociata" e in classifica dal 1994 solo con la canzone natalizia, pare sia cambiata molto nel corso degli anni anche nell'aspetto.
Il suo volto, morbido e sovrastato da una folta chioma, ha subito diversi cambiamenti: 

Naso

Prima - Dopo 


 

il naso in primis, trasformandosi da largo e a patata a sottile e dalle proporzioni armoniche. Confrontando le foto dell'inizio della sua carriera con le ultime, si può notare la differenza nel suo décolleté: 

Seno

Prima/Dopo

il seno da piccolo e tondo, si è trasformato in una scollatura davvero prorompente. Sembra poi che la cantate non si sia fatta mancare botox, filler e botulino:

Zigomi

Prima/Dopo

gli zigomi importanti con il passare degli anni sono ancora più evidenti, e sembra proprio che il labbro superiore sia stato rimpolpato per eguagliare le dimensioni di quello inferiore.

Corpo

Prima/Dopo

Anche il suo corpo non è più lo stesso, la silhouette di Mariah ormai da anni è decisamente appesantita da diversi chili di troppo.
Dite quello che vi pare ma per me lei sarà sempre The Queen of Christmas.

 

 

 

 

Damaged

  • Published in
  • Published in Rubriche

Questa settimana avrei voluto parlare di una 51 enne romana ex ballerina, ex conduttrice, ex amata dagli italiani, ex tutto insomma che da poco è tornata in tv sotto le vesti di "nemicamatissima"; fosse rimasta a casa ad interpretare il suo ruolo più consono di "Porella" sarebbe stato meglio x tutti!
Ho scelto, quindi, di dedicarmi agli errori fai da te giusto per avere un nesso con la vicenda in questione...solo al pensiero di nominarla mi si rizzano i peli che normalmente estirpo.

Che meraviglia prendersi cura in prima persona della propria bellezza! Mix di frutta, pozioni di oli e creme di alimenti naturali, a volte, possono regalare dei danni

Qualsiasi cosa si sia letto o vi abbiano detto, vi consiglio di non usare questi ingrediennti:

 

BICARBONATO DI SODIO


Sul web si trovano tante ricette di scrub per il viso da realizzare in casa con il bicarbonato come principale ingrediente, peccato però che abbia un PH9 che rischia di eliminare tutta l'acidità buona della pelle. Sia se usato come crema che come esfoliante, rischia a lungo andare di rovinarvi in modo pericoloso. 



LIMONE


Con tutte le sue azioni rigeneranti, in realtà il limone è dannoso per la pelle. Può oggettivamente renderla più luminosa, ma è talmente acido da essere pericoloso. Oltre a seccare la pelle, infatti, può causare vesciche e bruciature più o meno gravi. Evitatene l'uso.

 

LACCA


Da anni sento che qualcuno consiglia la lacca come spray per fissare il trucco. Ricordatevi che la lacca serve per i capelli, non per la pelle! Comprate uno spray ad hoc in un negozio specializzato, se proprio dovete fissare il vostro make up.

 

UOVA

Per quanto sia un alimento naturale, se non conservate bene e usate in modo sbagliato, rischiate la salmonella. Non solo, le uova, mischiate ad altri ingredienti, posso causare delle reazioni sconosciute. Affidatevi a degli specialisti se le volete usare sul vostro viso. 

ZUCCHERO E SALE

Lo zucchero e il sale sono due ingredienti esfolianti meravigliosi, ma solo per il vostro corpo.Se mescolate dell'olio di cocco con zucchero di canna, otterrete uno scrub senza paragoni ma non provate nemmeno a pensare di metterlo sul viso. I granuli sono troppo duri e possono causare delle abrasioni.

 MAIONESE


È  perfetta come maschera per capelli, ma non altrettanto per il vostro viso, che resterà grasso e appiccicoso, ostruendo i pori della pella per molti giorni anche se il vostro viso vi sembrerà pulito. 

 CANNELLA

Molti sostengono che la cannella è l'ingrediente perfetto per sbarazzarsi di acne, macchie scure, e iper-pigmentazione. In realtà può provocare bruciori,  vesciche,arrossamento e secchezza. Secondo alcuni dermatologi, la cannella può portare anche danni permanenti. 

OLIO MINERALE



 L'olio per bambini è 100% mineral oil, questo ingrediente riveste la pelle come una pellicola di plastica, disgregando la barriera naturale della pelle ed impedendo la sua capacità di respirare ed assorbire l'umidità e i nutrienti. Come maggior organo per l' espulsione, è vitale che la pelle sia libera di liberare le tossine. Ma l'olio minerale impedisce questo processo, permettendo alle tossine di accumularsi, così da provocare acne e altre malattie. Rallentando le funzioni della pelle e il normale sviluppo delle cellule, si ottiene un suo prematuro invecchiamento.

ALCOOL

 
 Come solvente e denaturante  si trova ovunque. E' una sostanza derivata del petrolio ed è usata anche come antigelo e come solvente. L'ingestione può causare emicrania, capogiri, nausea, vomito, narcosi e coma.

SODA CAUSTICA


è tra le materie più pericolose perché può provocare gravi ustioni cutanee e lesioni oculari.

False Lashes

  • Published in
  • Published in Rubriche

Potevano mancare le ciglia finte nel mio prezioso elenco?
Absolutely no!
Un uomo o una donna (dipende dai gusti) si può sedurre con soli tre battiti di ciglia e se madre natura non è stata gentile, bisogna correre ai ripari usando la carta di credito. Se sei povera, trova un sistema per non esserlo: la bellezza costa ed è un investimento indispensabile!
Le ciglia finte sono l'accessorio di moda del momento e spadroneggiano non solo sul“red carpet” ma anche a casa Penelope...e tu ragazza biologica o non, di periferia o città, glamour o kitsch, bionda o mora, curvy o smilza, lolita o milf a chi aspetti ad equipaggiarti?

Esistono tantissime ­varianti di ciglia fi­nte che ci consentono­ di cambiare sguardo e che sono "provvisorie"(le applichi quando ti trucchi e le rimuovi quando ti strucchi).

CIGLIA A FRANGIA INTERA O NASTRO


corte, medie o lungh­e, c­he abbinate ad un trucco ben studiato, sar­anno in grado di rend­ere lo sguardo­ ancora più magnetico­ e sensuale.

CIGLIA A CIUFFETTI

indispensabili p­er riempire le zone r­ade.

CIGLIA "STRAVAGANTI"


piume, vinile, glitt­er, metallo, nero o c­olore, lunghe o lunghissime, mezze o inter­e, ci faranno spicca­re se applicate per u­n'occasione speciale.

Tutte le ciglia fint­e sono facilissime da­ indossare, a patto c­he si abbia un pizzic­o di pazienza, una bu­ona colla, una pinza ­apposita e un piccola­ forcina per agevolar­e l'unione tra postic­cio e reale.

Direttamente dall'Ame­rica negli ultimi ann­i, è arrivata, per la­ gioia di chi non vuo­le utilizzare il masc­ara e predilige una durata più longeva, l'ultima tendenz­a: l'estensione cigli­a.
Esistono due tecnich­e diverse per chi vuo­le applicare extension sulle ciglia.

TECNICA CLASSICA: si­ applica un extension­ su ogni singolo cigl­io con la colla cosme­tica. L’operazione vi­ene fatta a occhi chi­usi dividendo le cigl­ia superiori da quell­e inferiori, poi con u­na pinza si procede c­on l’applicazione. Il­ risultato sono delle­ ciglia scure, lunghe­ e curve, con un effe­tto ventaglio molto p­iù forte di quello cr­eato dal mascara. Il ­tutto ha una durata d­i circa tre settimane­, dopodiché sono nece­ssari i ritocchi, per­ché le ciglia natural­i cadono seguendo il ­loro naturale ciclo d­i vita

INFOLTIMENTO O TECNI­CA VOLUME: il modo di­ applicazione è lo st­esso, la differenza condiste nell'applicaz­ione di un ventaglio­ di ciglia su ogni si­ngolo ciglio, con un ­effetto extra volumin­oso.

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register