Priscilla va in Grecia

  • Published in
  • Published in Rubriche

Due chiacchiere di Bon ton

Carissime, questa volta la proposta è seria, si va in Grecia!

La mia amica Caterina, la cui nonna è greca, precisamente dell’isola di Samos, mi ha invitato ad andarla a trovare insieme con lei. Sono pronta in un fiat, ho gettato in un sacco costumi da bagno e pareo, non serve altro , pare. Per il viaggio indosso una canottiera bianca e un paio di shorts di jeans, più le infradito capresi. E’ tutto. Raggiungiamo insieme in treno Ancona, dal cui porto un mastodontico traghetto greco bianco e rosso ci accoglie nel suo ventre brulicante e misterioso. Ci sistemiamo sul ponte e mangiamo i panini che abbiamo preparato. E’ il tramonto, seta rosa su sfondo azzurro il mare, nel cielo lunghi stracci di nubi di soffice garza rosa. Un trionfo di colori preziosi e sfumati. Già godo, come sono felice! Recintiamo coi parei le nostre postazioni e ci facciamo un giretto all’interno. C’è un micro casinò, con tanto di croupié, e io vengo risucchiata dal fascino irresistibile delle macchinette. Mi accomodo davanti a una, non dopo aver cambiato pochi euro per il golosissimo secchiello trabordante di gettoni. Caterina mi segue esitante con sguardo critico, lei non ama il gioco ma mi lascia fare, e infatti, dopo qualche giro un po’ si’ e un po’no, eccoti là che ti becco i tre cocomeri allineati e contenti, cui segue lo scroscio inarrestabile delle monetine. La macchina vomita, vomita vittoria e io ballo da sola pazza di gioia. Da sola perché Caterina non mi offre né aiuto nella raccolta delle vincite né alcuna espressione di partecipazione alla mia contentezza.

Carico ben tre secchielli di vincite e vado a riscuotere.”Sono ottocento euro”, mi fa la contabile senza una piega. Sto per partire per un altro sirtaki di gioia, ma la mano gelida di Caterina si posa ferma sul mio braccio:”La Grecia è un paese povero!”, mi soffia sottovoce ma con grande severità. La guardo e capisco cosa mi sta chiedendo. Lo trovo ingiusto e fuori luogo, non rinuncerò alla vincita, chissà quanto hanno guadagnato prima con le perdite degli altri. L’impiegata continua senza una piega a trasformare la mia vincita in euro. Un bel mucchio. Mi sembra un sogno, non ho mai vinto al gioco.

Invito subito Caterina al bar per brindare, ma lei declina gentilmente e si dice preoccupata per le nostre postazioni, abbandonate da molto tempo. Torniamo sul ponte. E’ scesa la notte: il cielo è uno spettacolo incredibile, tutto stelle, e il fruscio delle onde contro la chiglia della nave rende l’atmosfera magica, anzi mitica. Ci sdraiamo a terra sui pareo, poggiamo la testa sullo zaino, e restiamo lì a farci portare dal cielo, dal mare, dalle stelle,dal silenzio, nel buio sacro della dea della notte. Nessuno parla, stiamo tutti intenti a resistere al sonno per goderci lo spettacolo il più a lungo possibile: e quando ti ricapita? Alla prossima, amiche care…….

 

Le vacanze intelligenti | L'editoriale di Stefano Bongarzone #3

  • Published in
  • Published in News

Non avete anche voi un po' di nostalgia delle vacanze di una volta, quelle in cui si pensava meno al proprio aspetto e di più alla "villeggiatura"? Ascolta i consigli di Stefano Bongarzone!

► INSTAGRAM: https://www.instagram.com/stefano.bon...
► FACEBOOK: https://www.facebook.com/bongarzoneco...
► TWITTER: https://twitter.com/stefbongarzone

SCOPRI I VIDEO DI STEFANO BONGARZONE: https://goo.gl/b45h5Q

STEFANO BONGARZONE: CHI SONO.

Un operaio del mio lavoro. Non smetto mai di lavorare perché il mio lavoro è nella mia vita. Amo l’armonia in tutto, compreso il settore estetico. Soffro quando mi sento nel “brutto”, perché penso basti poco per far diventare le cose belle. Ho dedicato la mia vita alle donne e ne sono felice, vorrei continuare a farlo per molto tempo ancora. Ci metto la faccia, dico quello che penso e me ne prendo la responsabilità. Originale, creativo ma con i piedi per terra. Sono affascinato da tutto ciò che si crea con le mani, ma le mani sono gestite dal cervello (...) Non ho mai avuto idoli ma stimo molte persone. Ho lavorato tanto ma vorrei fare molto di più.

Scopri BLOGARZONE, il magazine online di Stefano Bongarzone in cui troverai tutto su make up, tutorial, wedding, news e tanto altro: http://www.blogarzone.it/

Vieni a trovarci allo "Studio Bongarzone":
Indirizzo: Via Agri 26 - 00199 Roma
Tel: 06 884 5386
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.stefanobongarzone.it/


Wedding Vlog | Il matrimonio di Bianca

  • Published in
  • Published in Wedding

Il matrimonio di Bianca raccontato in video, il primo di una lunga serie di wedding vlog in cui Stefano Bongarzone racconterà tutto sulle spose e sui matrimoni più belli a cui ha partecipato!

► INSTAGRAM: https://www.instagram.com/stefano.bongarzone
► FACEBOOK: https://www.facebook.com/bongarzoneconcept
► TWITTER: https://twitter.com/stefbongarzone

SCOPRI I VIDEO DI STEFANO BONGARZONE: https://goo.gl/b45h5Q

STEFANO BONGARZONE: CHI SONO.

Un operaio del mio lavoro. Non smetto mai di lavorare perché il mio lavoro è nella mia vita. Amo l’armonia in tutto, compreso il settore estetico. Soffro quando mi sento nel “brutto”, perché penso basti poco per far diventare le cose belle. Ho dedicato la mia vita alle donne e ne sono felice, vorrei continuare a farlo per molto tempo ancora. Ci metto la faccia, dico quello che penso e me ne prendo la responsabilità. Originale, creativo ma con i piedi per terra. Sono affascinato da tutto ciò che si crea con le mani, ma le mani sono gestite dal cervello (...) Non ho mai avuto idoli ma stimo molte persone. Ho lavorato tanto ma vorrei fare molto di più.

Scopri BLOGARZONE, il magazine online di Stefano Bongarzone in cui troverai tutto su make up, tutorial, wedding, news e tanto altro: http://www.blogarzone.it/

Vieni a trovarci allo "Studio Bongarzone":
Indirizzo: Via Agri 26 - 00199 Roma
Tel: 06 884 5386
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.stefanobongarzone.it/


Il matrimonio nel ruolo del migliore amico | L'editoriale video di Stefano Bongarzone #2

  • Published in
  • Published in News

Matrimonio in arrivo? Se sei una futura sposa Stefano Bongarzone ha il consiglio giusto per te: non cercare solo un make up artist o un hair designer, cerca un... migliore amico!

► INSTAGRAM: https://www.instagram.com/stefano.bongarzone
► FACEBOOK: https://www.facebook.com/bongarzoneconcept
► TWITTER: https://twitter.com/stefbongarzone

SCOPRI I VIDEO DI STEFANO BONGARZONE: https://goo.gl/b45h5Q

STEFANO BONGARZONE: CHI SONO.

Un operaio del mio lavoro. Non smetto mai di lavorare perché il mio lavoro è nella mia vita. Amo l’armonia in tutto, compreso il settore estetico. Soffro quando mi sento nel “brutto”, perché penso basti poco per far diventare le cose belle. Ho dedicato la mia vita alle donne e ne sono felice, vorrei continuare a farlo per molto tempo ancora. Ci metto la faccia, dico quello che penso e me ne prendo la responsabilità. Originale, creativo ma con i piedi per terra. Sono affascinato da tutto ciò che si crea con le mani, ma le mani sono gestite dal cervello (...) Non ho mai avuto idoli ma stimo molte persone. Ho lavorato tanto ma vorrei fare molto di più.

Scopri BLOGARZONE, il magazine online di Stefano Bongarzone in cui troverai tutto su make up, tutorial, wedding, news e tanto altro: http://www.blogarzone.it/

Vieni a trovarci allo "Studio Bongarzone":
Indirizzo: Via Agri 26 - 00199 Roma
Tel: 06 884 5386
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.stefanobongarzone.it/


Carlo Vanzina: le finte bionde | L'editoriale video di Stefano Bongarzone #1

  • Published in
  • Published in News

Carlo Vanzina ed il film "Le finte bionde" raccontati nell'editoriale video di Stefano Bongarzone. Scopri di più!

► INSTAGRAM: https://www.instagram.com/stefano.bongarzone 
► FACEBOOK: https://www.facebook.com/bongarzoneconcept
► TWITTER: https://twitter.com/stefbongarzone

SCOPRI I VIDEO DI STEFANO BONGARZONE: https://goo.gl/b45h5Q

STEFANO BONGARZONE: CHI SONO.

Un operaio del mio lavoro. Non smetto mai di lavorare perché il mio lavoro è nella mia vita. Amo l’armonia in tutto, compreso il settore estetico. Soffro quando mi sento nel “brutto”, perché penso basti poco per far diventare le cose belle. Ho dedicato la mia vita alle donne e ne sono felice, vorrei continuare a farlo per molto tempo ancora. Ci metto la faccia, dico quello che penso e me ne prendo la responsabilità. Originale, creativo ma con i piedi per terra. Sono affascinato da tutto ciò che si crea con le mani, ma le mani sono gestite dal cervello (...) Non ho mai avuto idoli ma stimo molte persone. Ho lavorato tanto ma vorrei fare molto di più.

Scopri BLOGARZONE, il magazine online di Stefano Bongarzone in cui troverai tutto su make up, tutorial, wedding, news e tanto altro: http://www.blogarzone.it/

Vieni a trovarci allo "Studio Bongarzone":
Indirizzo: Via Agri 26 - 00199 Roma
Tel: 06 884 5386
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: http://www.stefanobongarzone.it/ 

Medik8: trattamenti avanzati per la cura della pelle

La cosmoceutica ed i suoi prodotti negli anni sono decisamente cambiati, come il loro utilizzo; se prima, infatti, questi avevano un'efficacia più blanda e per ottenere risultati durevoli era necessario per forza rivolgersi ad un vero e proprio medico, ora la questione è decisamente cambiata ed esistono soluzioni alternative che possono aiutare qualsiasi tipi di difetto o inestetisma ad un costo decisamente più contenuto.

In questo universo di cosmetici rientra il brand Medik8, leader del mercato cosmoceutico riconosciuto per la qualità e la provata efficacia dei suoi prodotti, sempre realizzati con ingredienti di altissima qualità e studiati quotidianamente da un'equipe con oltre 40 anni di esperienza.

Grazie a Medik8 è possibile rimediare in maniera naturale ai principali problemi della pelle come l'invecchiamento,
imperfezioni, rossore, disidratazione ed iperpigmentazione, con la sicurezza di protocolli dall'efficacia provata e adatta a tutti i tipi di pelle.

Proprio per questo motivo, e per mantenere il prestigio del nome, ottenuto dopo anni di assiduo impegno, Medik8 non è presente in tutti i punti vendita, ma solo in determinati store selezionati attentamente sulla base delle loro caratteristiche e della qualità del servizio.

La linea Medik8 nasce dall'assiduo lavoro di uno staff esperto che punta solo su ingredienti ricercati e sull'utilizzo corretto delle molecole, sulla giusta concentrazione che garantisce gli effetti dediderati e su come avere sempre sieri freschi, motivo per cui nei laboratori tutto viene prodotto in piccoli lotti.

Non avete mai provato i cosmetici Medik8?

E arrivato il momento di farlo e di scoprire la loro efficacia.

Per chi fosse interessato, è possibile trovare tutti i prodotti Medik8 ed operatori pronti a consigliarvi ciò che è meglio per voi a Roma, presso gli store Bongarzone e Bongarzoneiorio!

Priscilla va in weekend

  • Published in
  • Published in Rubriche

Due chiacchiere di bon ton

Carissime, che emozione! La mia amica Ippolita, da tutti corteggiatissima in quanto per qualche quarto discendente dalla nobile stirpe dei Pizzuti del Gallo, proprietaria di un’antica torre nella bassa Toscana, mi ha invitata a trascorrere questo weekend nella sua torre, appunto, nella Toscana bassa.
Che dire? Ippo non è tra le mie amiche del cuore, è appena un tantino snob e un sacco scassabottoni, ma come dimenticare che in fondo è contessa e l’aristocrazia - tutti abbiamo amato le favole, non raccontassero balle sul fascino che ancora oggi esercita un bel titolo - se ti sceglie, ti impreziosisce….

La tua immagine pubblica viene immediatamente potenziata.

E infatti, quando ho messo la notizia in rete, dopo cinque minuti ero sommersa di auguricongratulazionicomplimentimessaggi di ogni tipo con offerte di fedeltà pura e imperitura…

Chi ci troverò, laggiù?

È ben noto che Ippo frequenta la Real Casa
in quanto amica da tempo della dama di compagnia di Kate Middleton, ma non oso sperare…..

Ippo cavalca, gioca a polo e a tennis da Dio, e naturalmente parla un inglese
fluently. Io no, ma vedrò come cavarmela. Quanto a guardaroba, ho il costume da cavallerizza opportunamente acquistato al mercatino di via Sannio per una festa in maschera anni fa, e l’abito da sera. Sono scarsina invece nelle tenute intermedie – cocktail, brunch – ma chiederò a mia cugina Isa, che ha la mia stessa taglia, di prestarmi qualcosa. Riesco a ottenere due abitucci Prada solo dietro prostrate suppliche e la promessa di fare a casa mia al più presto un nutrito cocktail per presentare Ippo agli amici. Accetto torva il bieco ricatto, e comunque, per ogni evenienza, non si sa mai, aggiungo al trolley i miei vecchi jeans e un paio di magliette, carico la mia macchinetta verde zucchina puro vintage anni ’70 , e go !

Bordesando bordesando lungo la vecchia Aurelia, raggiungo Ansedonia, come indicatomi, poi percorro dieci km e svolto a destra. La macchina comincia a zampettare su una sterrata piuttosto accidentata nel sottobosco della campagna selvaggia e sterminata, dove non vedesi anima creata né manufatto d’uomo. Avanzo imperterrita per oltre venti chilometri, poi svolto a sinistra e secondo Ippo già dovrei vedere la torre. Non vedo nulla ma non mi perdo d’animo, so che devo percorrere ancora due km, avanzo fiduciosa e per poco non ci sbatto contro nella torre, che mi si para davanti all’improvviso sulla destra tra un confuso starnazzare di oche, galline e un rabbioso abbaiar di cani. Inchiodo immediatamente e mi domando perché nessun cartello avvisi il viaggiatore dell’approssimarsi del maniero….Scendo, irritata e confusa. Non compare nessuno. Poi facendo attenzione scorgo, seduta vicino a un portale di legno con un grande chiavistello di ferro arrugginito, una vecchina candida, una contadina che preparara il becchime per i pollami in una ciotola di ferro…

Mi avvicino, con educazione chiedo della contessa Ippolita Pizzuti del Gallo e preciso che sono attesa, sono sua ospite. La vecchietta s’illumina in viso: “Ah! E’ lei! L’Ippolita m’ha detto di non preoccuparsi, di salutarla e di scusarla. Non c’è!” “Come non c’è?” la voce di Priscilla è esile come il più diafano dei cristalli. “Oggi stava appunto cogliendo i fiori per la sua camera, quando hanno chiamato dalla segreteria di Lapo Elkann per un invito al Teatro dell’Opera di Verona.
Naturalmente è dovuta partire di corsa, povero angelo. 
Mi ha detto però di dirle che, se le fa piacere, può restare, può visitare la torre…” .

Ma io ho già le mani sul volante e sto facendo velocissima manovra in retromarcia, mentre grido alla vecchietta dal finestrino aperto:
”Non importa, me la saluti, sarà per un’altra voltaaaaaaa……….”

Raffaella Carrà in mostra a Roma: storia di un'icona senza tempo

  • Published in
  • Published in News

L'ombelico più famoso al mondo? Passa il tempo ma è sempre il suo. Perchè anche se ora è naturale vedere ragazze per strada con il ventre scoperto, 50 anni fa il pensiero comune era totalmente diverso, e per una donna non era “appropriato” scoprire in modo così arrogante una parte del corpo. Ma lei, che ha fatto davvero la storia della televisione italiana, lo ha sempre sfoggiato con grande orgoglio e senza guardare in faccia a nessuno. E direi che ha fatto bene.

          


Di chi stiamo parlando? Ovviamente della mitica
Raffaella Carrà!

Non solo un'artista a 360°, ma una vera e propria icona di stile che con le sue canzoni ed i suoi spettacoli ha accompagnato intere generazioni di ragazzi e non, portando nel piccolo schermo un concetto di show girl che nessuno potrà eguagliare.

      

Per celebrare questo vero e proprio mito, che ha compiuto da poco 75 anni, proprio in questi giorni a Roma è presente la mostra dal titolo “Iconoclasti -
lo stile di Raffaella Carrà nell’opera di costumisti e stilisti”, in cui è possibile vedere da vicino abiti, oggetti e foto che raccontano tutta la carriera di questa show woman che con le sue canzoni e la sua carica ha girato il mondo.

           

Tanti forse non lo sanno, ma la mostra è stata proposta durante la settimana di AltaRoma, e questo non è un fatto di poco conto; è la prima volta che la rassegna di alta moda della capitale rende omaggio ad un personaggio televisivo come Raffaella Carrà, grazie anche alla collaborazione di alcuni costumisti che l'hanno vestita e seguita durante i suoi show come Luca Sabatelli, Corrado Colabucci, Gabriele Mayer, Gabriella Pera.

La mostra, organizzata a Cinecittà da Fabiana Giacomotti, specialista di costume televisivo, autrice e direttore scientifico del Master in Teoria e Strategie della Moda all’Università La Sapienza di Roma, ospita più di 40 abiti dell'artista e racconta una vera e propria epoca di programmi tv che tutti ricordano.

            

Raffaella Maria Roberta Pelloni, questo il vero nome della nostra Raffaella Carrà, viene quindi raccontata attraverso 40 abiti scelti tra i 400 che ha indossato, portando così grandi nomi della moda come Renato Balestra, Greta Boldini, Luigi Borbone, Mario Dice, Antonio Grimaldi, Giuseppe di Morabito, Guillermo Mariotto per Gattinoni, Leitmotiv, Fausto Puglisi, Marco Rambaldi, Francesco Scognamiglio, Daizy Shely.



Durante la visita si nota, inoltre ,l'accuratezza con cui sono state scelte le foto ed i video, attentamente selezionati dall'archivio di Rai Teche, mostrando anche i bozzetti degli anni '70 che raccontano il modo in cui è nata l'icona e, soprattutto, il personaggio Carrà.
 
              

Insomma, siete curiosi di saperne di più? Vi consigliamo di vederla di persona!

La mostra sullo stile di Raffaella Carrà è a Roma d
al 29 giugno al 15 luglio al Teatro 1 di Cinecittà, in via Tuscolana 1055.

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register