Blogarzone: è nato un blog!

Non contento di tv e carta stampata, Stefano Bongarzone ha deciso di lanciarsi anche nel web, con un progetto – neanche a dirlo… - molto ambizioso. Abbiamo chiesto al diretto interessato di presentarci il nuovo nato

 

Caro Stefano, eccoci finalmente al lancio di Blogarzone. Parliamone. Si sentiva proprio il bisogno dell’ennesimo blog?

Sono stato piacevolmente invogliato a esprimermi, e siccome il dono della parola è una delle mie caratteristiche non c’è stato bisogno di convincermi. La vita mi ha offerto più volte la possibilità di comunicare: ho avuto modo di farlo attraverso la televisione, la stampa, e oggi mi incuriosisce possedere un blog per essere attuale con me stesso e seguire non quello che la moda richiede ma quello che la mia cultura mi permette di avere, e per mia cultura intendo anche il piacere di essere sempre “tecnologico”. In fondo, usare una tastiera è come avere una nuova voce che parla senza emettere suoni ma si trasforma piacevolmente in eco. Avere un blog per me significa anche avere un dialogo con chi ancora non conosco, e con cui spero vivamente di avere nuove interazioni. La vita umana mi incuriosisce in genere, quando la curiosità diventa stupore mi soffermo. Incuriosire come sono incuriosito io dalla vita è uno dei miei hobby e il blog vuole fare proprio questo: incuriosire.

 

Quindi hai sentito l’esigenza di parlare di te, del tuo lavoro, delle tue passioni?

Al contrario, è una possibilità in più di dare voce a quello che mi piace, della mia vita professionale e non, ma nasce dall’esigenza di non parlare solo di me. È come se avessi una nuova casa dove ospitare continuamente amici vecchi e nuovi che hanno qualcosa da dire insieme a me. Parlare di altri e di altre situazione è un modo per non starmi antipatico, nel senso che non amo rivedermi e riascoltarmi ma mi piace rileggermi, e mentre mi rileggo vivo l’emozione di ascoltare qualcosa di mio come se mi venisse raccontato dall’esterno.

 

 Si parlerà solo di moda, di stile?

Parlare solo di moda o stile è obsoleto. La vita e tutto ciò che ci circonda diventa appartenenza. Di conseguenza gli argomenti saranno ampi: parleremo di tutto ciò che non è tendenza ma che diventa stile.  E nello stile rientra tutto, dal cibo alle abitudini, al saper  vivere, al leggere, vestirsi ma soprattutto amarsi. Sono stanco della parola tendenza: la tendenza è quello che ci viene imposto, mentre noi sapremo tradurre in stile ciò che la tendenza ci propone e sapremo personalizzare le scelte. La mia esperienza e professionalità mi porta ad assimilare gli input esterni per rielaborarli e condividerli con tutti voi, certamente non dettando regole o imposizioni ma offrendo informazioni che ognuno può adattare ai propri gusti. Il mio blog sarà una finestra molto ampia sul mondo, dalla quale guarderemo tutti insieme come spettatori la vita in movimento. Non importa se il movimento sia veloce o lento, ma è fondamentale muoversi.

 

Perché spettatori? Non è un ruolo un po’ passivo?

Io non ho mai avuto idoli, ma ho sempre guardato chi si sa stupire con grande ammirazione. Amo essere spettatore in quanto amo tutte le forme d’arte, ma spettatore per me non è un termine con un significato passivo: sono al contrario uno spettatore che ama vivere le stesse emozioni di chi mette in scena la vita con entusiasmo e di conseguenza, pur non parteggiando per nessuno, sono sempre con tutti. Il mio blog, e quindi il vostro, sarà come una biosfera che vive di vita propria, che si rinnova e si rigenera: si nutre dell’esterno impossessandosi con naturalezza di tutto ciò che dall’esterno ci risolverà e ci semplificherà il nostro modo di vivere.

 

Semplificare la vita? A me la complichi sempre…

Io sono un complicato, ma lo sono anche con me stesso, pretendo molto da me e molto dagli altri. Ma non rompo i coglioni.

 

Che cosa troveremo in questo blog?

Parleremo innanzitutto di stile e di bellezza. E di attualità, con molte interviste. Parleremo del lusso tradotto in possibilità, di cosmetica, make up, capelli, cucina. Ci sarà la natura, la moda e molti accessori. Saremo ironici e molto seri, saremo tutto e il contrario di tutto. Per noi è importante un granello di polvere ma anche l’Everest. Vi chiederemo consigli sugli argomenti. Vi farò scoprire le vite degli altri, tutte quelle vite che si sono impegnate a lasciare un segno o che lo lasceranno, anche un segno piccolo. Parleremo degli oggetti che ci renderanno felici, ci faremo e vi faremo delle coccole. Assimileremo tutto ciò che nascerà intorno a noi e decideremo cosa scegliere. Ci saranno anche dei tutorial. Andremo in giro a curiosare tra gli eventi per riferirvi poi sul blog. Apriremo inoltre una sezione consacrata alla sposa, perché ho dedicato tanti anni a questo settore e me ne sono appassionato. E mi piacerà stupirvi con fragranze, prodotti per i capelli e tutto ciò che riguarda la bellezza. Da molto tempo ho scelto di creare delle linee che mi appartenessero, e vi guiderò alla loro scoperta.

 

Che cosa non ci sarà mai?

Il cattivo gusto, senz’altro, e le volgarità, anche se ne parleremo. Non ci sarà mai la politica, non si parlerà mai di bruttezza, non esiste la bruttezza sotto forma di estetica. Non ci sarà mai la stupidità (anche se non ci prendiamo molto sul serio…). Mai la normalità intesa come banalità.

 

Perché iscriversi al tuo blog?

Iscriversi è come appartenere, e noi vorremmo essere un grande gruppo che possa crescere costantemente per scambiarsi opinioni e convivere all’interno di una “casa” nella quale rifugiarsi con estrema fiducia. Vorremmo dare la parola anche agli altri. Chi si iscrive interagirà con noi, aspettiamo i vostri feedback!

 

Login to post comments

Log In or Register