Selvaggia, forse...

  • Published in
  • Published in Rubriche

 

Non ho ancora deciso se Selvaggia Lucarelli mi piaccia o no. Essì che di solito sono il tipo dalla ghigliottina facile. Quindi possiamo dire che la Lucarelli è un personaggio controverso? Be' adesso non esageriamo. Controversa è la Fallaci, la Lucarelli è solo fallace. Perché certe volte prende certe cantonate che la mettono in posizioni che Rocco Siffredi non sarebbe in grado di immaginare.

La Lucarelli è controversa come alcune tipologie di scarpe che non tutti mettono, che magari avrebbero anche una sua funzione ma certe volte mancano di stile o sono troppo terra terra per indossarle perfino in casa.

Una ciavatta.

Ecco la Lucarelli è una ciavatta, alla romana proprio.

Apre bocca su tutto, contro tutti e per sfottere tutti e tutto.

Un'amica così ce l'ha ognuno di noi, è quella che interpelli perché dica la cattiveria che tutti stiamo pensando ma non vogliamo metterci in cattiva luce.

È la prima della classe che però andava d'accordo anche con i fattoni e ha messo su le tette per prima, quindi sa che la gente che la odia ma in realtà una bottarella gliela darebbe volentieri.

La Lucarelli è una influencer.

In effetti alcuni suoi post mi fanno salire la temperatura e stancano terribilmente. La ammiri per le sue battaglie femministe, per quelle contro i leoni da tastiera, ma sa essere anche velatamente omofoba quando parla di lobby gay.

È un donnone granitico a metà fra Brigitte Nielsen e Gianni Sperti, ha la lingua velenosa di D'Agostino, è la vicina che non vorresti mai alla riunione di condominio ma che spedisci volentieri a lamentarsi per il cane della signora del terzo piano. Sembra una brava mamma con un figlio che non pare darle troppi problemi, anzi, a volte sembra che sia lui a starle dietro.

Qualcuno dice che è un bulletto che usa il suo potere mediatico per rifarsi sui poveretti che le danno della poco di buono. Io dico che lei ci sguazza nel qualunquismo maschilista, che anche se le danno della "Troia" lei gode, un po' come quelle mogli frustrate che si offendono se il marito le insulta perché flirtano con tutti e loro, per dimostrare che non sono delle sguadrine qualsiasi, si portano a letto il cognato o il migliore amico.

E fanno bene eh! Le donne dovrebbero avere tutte un po' più delle palle di Selvaggia e un po' meno i palloni del chirurgo al posto del seno.

Eppure il suo ex più solido è Laerte Pappalardo, figlio di Adriano, uno al cui confronto l'uomo delle caverne è Enzo Miccio.

Enzo Miccio, un altro uomo che ha dato alla Lucarelli cipria da stendere e pagnotte da blush-are.

Sì, direi che il problema fondamentale, per la Lucarelli, sono gli uomini. Forse per questo Selvaggia Lucarelli non può essere definita un personaggio controverso: perché una donna che ha sempre delle questioni irrisolte con gli uomini non è scomoda, è un clichè che frutta molti follower.

 

 Fabio Cicolani 

Alla Maniera di...Loredana Berté

Era il 1975 quando una giovane Loredana Berté entrava di diritto tra le stelle della musica italiana con "Sei bellissima".

Lei, cantante eccentrica, molto spesso sopra le righe, con un talento cristallino che ancora oggi è in grado di far balzare dalla sedia a ogni sua esibizione.

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register