Items filtered by date: Agosto 2018

Priscilla va in Grecia #4

  • Published in Rubriche
  • Published in

Ragazze mie, questa vacanza in Grecia è stata proprio tonica.

Sono tornata da due giorni e ogni volta che mi guardo allo specchio sobbalzo: chi è quella?
Ma sono io, sono io, quella sconosciuta!

Sottile come una silfide, nera come cioccolato fondente al 90%, con i capelli più biondi che rame, un color Tiziano insomma. Manco avessi fatto una settimana in una SPA…E certo: stavo in acqua tutto il giorno nuotando come una dannata, in tutti gli stili possibili e immaginabili, poi mi buttavo al sole senza fiato sulla battigia perché sulla sabbia si cuoceva. Sia in acqua, sia fuori, il sole si lavorava pelle e capelli, aiutato dalle mie sceltissime creme balsamiche.

Alle ore dei pasti la nonna di Caterina ci ammanniva insalata greca con la feta, pesce arrostito, pane, melanzane, niente dolci e niente gelati: una dieta ferrea che nessun  nutrizionista a Roma sarebbe mai riuscito a farmi fare, e che dovevo per forza ingurgitare perché non c’era altro.

Il fatto è che il nuoto mi affamava, i profumi di menta, timo, finocchiello, origano sul cibo, dentro e fuori casa, mi davano un’ebbrezza sensuale e perciò mangiavo in uno stato di pura beatitudine e trovavo tutto buonissimo.

La sera, io e Caterina, sedute sulla sabbia, dopo aver contemplato il cielo carico di miliardi di stelle sbrilluccicanti, tante quante si riflettevano nelle ondine gentili del mare, e dopo aver goduto a lungo del freschetto della brezza marina, cascavamo felici sulle lenzuola croccanti di lino grezzo annientate da un sonno profondo.

Risultato? Mai nella vita sono stata bella come in questo momento, pelle di seta, capelli d’angelo, occhi come acqua chiara.                                                          

Considerazioni? Priscilla, allora puoi, ancora puoi…. ( sedurre un maschio piacente) . Palestra, lettino solare, dieta strettissima, cambio del parrucchiere, per esempio andare da uno bravissimo, tipo Stefano, che ti fa i capelli color tiziano, sani e luminosi….

Il giorno dopo sono al telefono e già mi intrigo in un garbuglio di appuntamenti per la prossima settimana, per questa dovrebbe bastare l’effetto Samos. Tanto, prima di tornare al lavoro, mancano ancora quindici giorni…Già mi immagino la faccia delle colleghe, giallo limone, e quella dei colleghi, rosso di fuoco, all’apparire della rinata Venere di Milos….

Che lavoro faccio? Un bel lavoro, sono giornalista Rai, collaboro a un programma molto popolare, naturalmente dietro le quinte.

Un bel lavoro, e un ambientino….Vi racconterò.

Priscilla va in Grecia #3

  • Published in Rubriche
  • Published in

Due chiacchiere di Bon Ton

Niente paura, ragazze: la nonna di Caterina ci sta aspettando immobile su una sedia accanto alla porta della sua abitazione.

Rosa con le persiane celestino chiaro l’abitazione, nera da capo a piedi la nonna: capelli nero corvino con qualche striatura bianca, raccolti a chignon basso sulla nuca,occhi neri, abito nero, zoccoli neri, mise da perfetta vedova mediterranea. Nera nella notte nera, ecco perché non l’abbiamo vista subito…. Con lei ci aspettano, sulla tavola a piano terra , piatti di insalata greca, tzaziki, tazze di yogurt greco, che ha la consistenza del mascarpone, vasetti di miele, noci, fichi, fette di pane nero, brocche di acqua gelata…

Trangugiamo senza quasi salutare. Saziata la fame primordiale, finalmente l’abbracciamo e lei, alta, grassoccia e solida come un’antica matrona, ci stringe al vasto petto esclamando ogni volta “Kuklamù! Kuklamù!”. Caterina traduce svelta “Bambola mia! Bambola mia!”, poi domanda alla nonna del letto. La nonna fa cenno “di sopra”. A razzo c’infiliamo per le vecchie scale, ci schiantiamo sopra due lettini nella prima camera a destra e, ciao, nonnaa!, ci abbattiamo in un sonno apparentemente senza ritorno…

Quando ci svegliamo, a giorno inoltrato, ci rendiamo conto che il mare è dietro la nostra finestra, anzi dietro una fila di tamerici e alberi che sbucano dalla spiaggia davanti alla nostra finestra. Le onde vanno e vengono con un fruscio leggero, che sembra un arioso respiro di sollievo. Vocine di bimbi urlano, di piacere o di paura, da un altro spazio, nel silenzio stranito dalle cicale di mezzogiorno.

Che aspettiamo? Senza nemmeno lavarci, ci spogliamo e indossiamo il bikini. A piedi nudi ci precipitiamo giù e sbattiamo contro la nonna, che ci attende immobile, in silenzio. Ha aperto la porticina sul retro e con l’indice ci mostra la via del mare: che dire?                                                      

Corriamo fuori, accecate di sole, e in due secondi siamo sulla spiaggia: è calda, candida, fatta un po’ di sabbia e un po’ di pietre bianche come il gesso. Non c’è anima viva intorno a noi.                                                                                                                   

Ci stendiamo sotto un albero, e le onde ci lambiscono i piedi come una carezza, dolce e calda, mentre una brezza lieve gioca pigramente tra le ombre dei rami.                                               
Che aspettiamo? In acquaaaaa!                                                                  

A testa in giù, fino in fondo, nel chiarore di una trasparenza limpida che ci lavi dai nostri fardelli e da tutti i nostri peccati!

Amen!

 

Priscilla va in Grecia #2

  • Published in Rubriche
  • Published in

Due chiacchiere di Bon Ton

Ragazze mie, che pacchia questa Grecia!

Sbarcate a Samos alle h 23 dopo 15 (dico 15!) ore di viaggio da Atene e lunghe soste nei porti delle isole dell’Egeo – bellissimo, capiamoci, ma una fatica quel sottofondo di chiacchiericcio a mitraglia di greci di tutte le età, cui s’intrecciano  pianti di lattanti straniti,  cinguettii di canarini in gabbietta e  miagolii di gatti avvolti in sporte di paglia – morte di sonno e di stanchezza, alla ricerca di un letto qualunque, ci fiondiamo di corsa  in un taxi sgangherato.

Al taxista, che parlucchia un inglese stenterello, tale e quale il nostro, chiediamo di condurci a Ireon, il villaggio della nonna di Caterina. L’isola è grande e abbiamo attraversato prima una montagna, poi un delizioso porticciolo tutto lucine tremolanti nell’acqua e yacht, poi una deliziosa stradina lungo la costa, immersa nei profumi della salsedine, della liquirizia, del timo e dell’origano, dei gelsomini, della notte mediterranea, insomma.

Finalmente il taxi si ferma in un villaggio di pescatori raso costa, a ripa di mare, che non può attraversare causa strettezza della via sterrata che divide le due file di casette monopiano che lo compongono. Chiediamo al taxista timorose - attraversamento notturno di un’isola - quanto vuole e lui fa “tre euro”, sempre in quell’inglese stenterello, per timore di non aver capito bene, gli rifacciamo la domanda ma lui, beato, ci conferma “tre euro”.

Ci affrettiamo a pagare per timore che cambi idea o capisca di essersi sbagliato, e ci gettiamo in strada con i nostri zaini. Lui fa manovra e se ne va e noi restiamo sole, nella notte deserta, fra il concerto dei grilli e il rumore leggero delle onde, sotto la luce della luna e il solito cielo mozzafiato per quanto è carico di stelle!

E ora dove la troviamo la nonna?

Subscribe to this RSS feed

Log In or Register